ARCHIVIO

PEOPLE

HOLLYWOOD

  • Francis Ford Coppola: «Non faccio più il regista»

    Albergatore, viticoltore e, nel tempo libero, nonno. Francis Ford Coppola ha le sue regole: «I film, ormai, li giro solo per divertimento. In fondo, sono un dilettante»

  • Francis Ford Coppola: «Non faccio più il regista»Francis Ford Coppola: «Non faccio più il regista» Francis Ford Coppola: «Non faccio più il regista»
  • Aspetto Francis Ford Coppola seduta al tavolino di un bar. Quando arriva, non fa in tempo a sedersi che un ragazzo biondo, sbucato da non si sa dove, gli porge un dvd. «Mi dispiace, non posso prenderlo». Il ragazzo fa per insistere, ma lui è categorico: «No». Quando si allontana, Coppola sembra quasi giustificarsi: «È una regola che mi sono dato e che non voglio trasgredire». Gli chiedo se scene così succedono spesso. Mi dice: «Abbastanza. In passato, erano sceneggiature. Chissà, forse adesso non pensano più a me come a un regista, ma come a un benefattore». Eppure Francis Ford Coppola è il cinema. Su questo non c’è discussione, anche se, durante l’intervista, pronuncerà più volte la parola “dilettante” riferita a se stesso, a significare uno che, ormai, fa film solo per diletto, appunto, non per lavoro. Prodotto dalla casa di famiglia, la Zoetrope, e presentato allo scorso Festival di Cannes nella Quinzaine des Réalisateurs, Segreti di famiglia (in uscita il 20 novembre) viene dopo il disastro di Un’altra giovinezza, film di scarso successo e di ancor più difficile comprensione, che aveva fatto temere il peggio. Segreti di famiglia dimostra che Coppola è ancora in grado di fare ciò che è richiesto a un grande regista: scegliere perfettamente il cast (strepitoso l’esordiente Alden Ehrenreich), dirigere gli attori, farli recitare al loro meglio (ottimo Vincent Gallo), usare una sofisticata fotografia in bianco e nero.
    Girato in Argentina, il film racconta la storia di due fratelli che si ritrovano a vivere nella stessa casa dopo anni di lontananza: il maggiore, Tetro, è uno scrittore geniale, ma abbandonato a se stesso, forse depresso. Il più piccolo, Bennie, è alla ricerca della storia di famiglia e del padre, un direttore d’orchestra di origini italiane. Nel mezzo, molti elementi del cinema di Coppola, dai drammi familiari alla rivalità tra consanguinei, passando per l’opera lirica e le origini italiane dei protagonisti.
    Si può dire che in “Segreti di famiglia” ci siano gli elementi tipici del suo cinema, quelli che la interessano di più?
    «Dopo Un’altra giovinezza, ero un po’ abbattuto: era un progetto a cui tenevo e non mi aspettavo un insuccesso. Mi sono reso conto che il pubblico non ha voglia di affrontare tematiche filosofiche, ma vuole qualcosa di più personale ed emotivo. Così mi sono chiesto: che cosa emoziona me? E la risposta è stata: la famiglia».
    Anche nella sua famiglia c’erano rivalità e drammi?
    «Non a questi livelli, però sì. Ho assistito di persona a rivalità tra alcuni miei zii, per esempio. E, comunque, gli antagonismi sono parte del concetto stesso di famiglia. La rivalità è nella Bibbia e in tutte le relazioni basate sul potere e sull’autorità».
    I suoi figli fanno entrambi i registi. Che cosa hanno imparato da lei?
    «Sia Roman che Sofia fanno film molto intimisti. Credo abbiano imparato da me che la cosa principale è scegliere un soggetto per un motivo personale e unico, non per i soldi o il successo. La cosa di cui sono più orgoglioso è che sia i miei film sia quelli dei miei figli sono facilmente riconoscibili: sono film di un Coppola. E di nessun altro».
    E con le sue nipoti, che tipo di nonno è?
    «Normale, credo. La figlia di Sofia ha due anni e mezzo, gli occhi blu, è bellissima e parla francese. L’altra ha 22 anni ed è una ragazza molto intelligente. La prossima settimana si laurea e io andrò alla cerimonia».
    Tornando a “Segreti di famiglia” la sceneggiatura è molto intricata. È stato faticoso scriverla? Quanto tempo ci ha messo?
    «Mentre stavo completando il montaggio di Un’altra giovinezza, ho ritrovato un diario di molti anni fa: dentro c’era l’abbozzo di una storia e un nome, Tetro. Sono andato una settimana a Positano, in un hotel sulla spiaggia, e ho iniziato a scrivere. Sei pagine. La settimana dopo, sono andato in Grecia e ne ho scritte altre sei. La settimana dopo, sono volato in un altro posto e ho continuato per altre dieci e così via finché la sceneggiatura non si è praticamente scritta da sola. Mi piace scrivere, soprattutto in posti belli. Poi, avendo un aereo privato, posso spostarmi come e quando voglio...».
    Lavora con il computer o con la macchina da scrivere?
    «Con il computer, ma il nome non mi piace: per me rimane una “macchina da scrivere”».
    L’industria del cinema è molto cambiata dall’epoca in cui lei girò “Il padrino”. Come si trova in questa nuova Hollywood?
    «Ma io non faccio parte dell’industria del cinema. Io sono un imprenditore: posseggo alberghi, produco vino. Questo è il mio lavoro. I film li faccio per divertimento, sono un dilettante».
    Vuol dire che con il cinema, ormai, non guadagna più?
    «Esatto. I soldi li faccio con il vino e con gli alberghi. E con questi finanzio i film. È così che voglio lavorare adesso, non ho intenzione di girare con budget stratosferici fatti apposta per raggiungere un pubblico smisurato. So che cosa vuole il botteghino: intrattenimento, grandi produzioni, grandi drammi, azione. Fondamen­talmente vuole vedere storie che già conosce. Io voglio fare film diversi, piccoli, ma che emozionino. E, magari, riuscire a viaggiare grazie a loro. L’idea di girare Segreti di famiglia in Argentina mi è venuta perché uno dei miei sogni è di imparare lo spagnolo...».
    Che cosa farà adesso? Sta già lavorando a qualcosa di nuovo? Si parla spesso di un suo progetto, un film sulla commedia italiana: è realtà o solo leggenda?
    «Sto scrivendo, ho diverse idee e aspetto di vedere dove mi porteranno, quale funzionerà meglio, una volta messa su pagina. La commedia italiana mi interessa, mi piace, ma onestamente non è una cosa a cui sto lavorando al momento. Però, in futuro, chissà. Germi, Monicelli, Sordi, Gassman, De Sica: li ho amati tutti».
    Li ha mai incontrati?
    «Ho conosciuto Alberto Sordi. Venne a casa mia e gli cucinai gli spaghetti. Ricordo che stava benissimo, ma poi, due anni dopo, morì. Ah, ho conosciuto anche Stefania Sandrelli: ho sempre avuto un debole per lei».

    16 Novembre 2009 Simona Siri

Abbonati

52 numeri a solo 27,90 €

1 anno con il 70% di sconto se ti abboni o regali un abbonamento sul nostro sito